ITALIA FUORI DAL MONDIALE 2014: una squadra ridotta a brandelli.

By
Updated: giugno 25, 2014
mondiali 2014

ITALIA FUORI DAI MONDIALI DEL 2014 (Brasile)

– L’Italia dei mondiali del 2014 in Brasile, passerà alla storia per essere uscita al primo turno (non accadeva dal 1966, se ricordo bene) e per aver espresso un calcio, come dire…senza espressione!

Arrivare al punto di trovarsi con le spalle al muro e tirare fuori gli attributi tutti in un sol colpo…ormai mi sembra una storia vecchia; un film visto e rivisto troppe volte! Un minimo di gioco, espressione calcistica – anche se la tradizione è quella del difensivismo, catenacci e compagnia bella – devi assicuratela in ogni partita e con qualsiasi avversario!

In Italia ci sono 60 milioni di tuttologi, esperti di calcio, ct in prima e in seconda; tutti a buttarla lì a modo proprio…e devo dire che le chiacchiere sono sotto zero! Questa Italia non sembrava essere nè carne nè pesce. L’Italia, in ogni mondiale, europeo, ha sempre avuto una difesa d’ acciaio inossidabile (almeno quella) e oltre al reparto arretrato, anche – spesso – dei veri bomber! dei numeri 10 da far paura, vedi: Rivera, Totti, Del Piero, Baggio ecc. Difensori del calibro di: Baresi, Scirea, Maldini, Facchetti, Cannavaro, Nesta, Ferrara, Gentile oltre ai portieroni Buffon / Zoff, ormai non si trovano più in circolazione.

L’Italia di Prandelli voleva essere diversa dalle altre, ossia: provare a imporre il proprio gioco, attaccare come tutte le grandi nazionali del calcio mondiale. Ci eravamo quasi liberati dal solito difensivismo, avanzando “come atteggiamento generale” (il baricentro) e siamo arrivati appena a centrocampo! L’attacco era lontano anni luce!

La forma fisica in alcuni trattidovuto anche al caldo e umidità è apparsa da coma profondo; nella seconda partita, nemmeno uno stop di palla elementare riusciva bene…neanche tre passaggi di fila (il quarto sarebbe stato troppo lusso) tanti quei calciatori i quali avrebbero dovuto fare la differenza in campo, sono praticamente… spariti nel nulla!

Eravamo ridotti a brandelli! Addio mondiali 2014 (Brasile)

Suarez

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *