Zdenek Zeman: l’allenatore e l’ uomo, sempre contro il sistema

By
Updated: settembre 16, 2014
Zeman_

Chi è Zdenek Zeman? Un uomo, un personaggio di 67 anni, di cui cinquanta di sport in prima fila. Contro tutto e tutti e con nuove filosofie, polemiche, battaglie contro poteri solidi e baluardi insormontabili. E’ un uomo che per scelta di vita non è mai sceso a compromessi. Noto per commenti dissacranti, Zeman è anche dispensatore di saggezze condivisibili senza se e senza ma. Un esempio? «La grande popolarità del calcio nel mondo non è dovuta alle farmacie o agli uffici finanziari, bensì al fatto che in ogni piazza, in ogni angolo del mondo c’è un bambino che gioca e si diverte con un pallone tra i piedi». Difficile dargli contro.

UN VERO PERSONAGGIO

E’ un vero personaggio fuori dagli schemi per quanto riguarda il mondo del calcio basti riflettere sulle sue battaglie contro il calcio dopato, il rispetto per il suo integralismo nel modo di far giocare le sue squadre, “per coprire il campo non esiste un modulo migliore del 4-3-3″, ammirato per i suoi metodi di lavoro “pretendo che ogni giocatore dia il meglio di se stesso, nel rispetto dell’esigenza di fare spettacolo. Se non vinciamo, nessun dramma. Mi basta che i ragazzi abbiano dato il massimo“, questa è la filosofia calcistica del boemo.

CONTRO IL SISTEMA E CONTRO TUTTI

Era il 25 luglio del 1998, la sua squadra, la Roma, era in ritiro a Predazzo e stava svolgendo la preparazione per il nuovo campionato, il tecnico boemo rilascia un’intervista che scuote dalle fondamenta il “palazzo” del calcio italiano. E’ un fatto incontrovertibile che il mondo del calcio non gli ha mai perdonato la sua libertà, la sua onestà. Hanno fatto di tutto per danneggiarlo.

Anni fa un giornalista gli aveva domandato cosa non gli piacesse nel calcio italiano lui non aveva potuto fare altro che rispondere con la verità: «Io vorrei che il calcio uscisse dalle farmacie e dagli uffici finanziari e rimanesse soltanto sport e divertimento». Da quella intervista iniziano le indagini sul doping, i processi, gli interrogatori, le accuse, gli insulti. Era stato chiamato “terrorista”, odiato ed era diventato il nemico del sistema. E, poco dopo, erano cominciati anche i torti arbitrali, i risultati falsati con il preciso scopo di indebolirlo. Dopo il dispiacere iniziale aveva cominciato a farci l’abitudine. Aveva dovuto farlo. Semplicemente si era rassegnato all’idea che qualcuno, in un altro modo, decidesse come dovessero finire le sue partite.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright

3 commenti

  1. Zeno

    26 ottobre 2014 at 20:29

    Dietro quella maschera si nasconde un grande esperto di calcio fra tattica, atletica e maestro di vita… uno che tira fuori dai suoi silenzi l’energia vitale, l’esperienza di un grande allenatore!

    La vera forza del silenzio, si contrappone all’aggressività e l’arroganza di altri personaggi della panchina…i quali basano tutto il successo sul potere (non solo sportivo)

  2. FABIO

    9 gennaio 2016 at 11:27

    La vera forza e la vittoria di Zeman è: non essere omologato. Uscire da un sistema dove sono tutti uguali, sempre e comunque.

    L’omologazione del calcio è nelle risposte, nelle domande, nei modi di allenare, di vincere e di perdere…insomma ci vuole originalità! Un pizzico di diversità.

  3. GENNY A CAROGNA . . .

    13 marzo 2016 at 08:59

    Zeman non è riuscito a vincere a Roma per il semplice fatto che aveva sempre: 12 calciatori sul lettino con problemi legati all’eco del sabato sera…e altri due sempre bloccati sul raccordo anulare…questo per dire che Roma non è la piazza adatta per Zemanlandia!

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *