IL DOPING DELLO STATO

By
Updated: luglio 20, 2016
DOPING DI STATO

Eravamo fermi al doping individuale; poi a quello di squadra; poi a quello per club; alla fine eccolo, il più grande di tutti i tempi: quello di stato!

L’ANTEFATTO – ARTEFATTO (SON TUTTI FATTI)

Solo, pensarci è cosa allucinante, vedere un presidente che saluta gli atleti – tutti palestrati e gonfiati a dovere – dare la mano loro in segno di : bene staree come adire: “Bravi adesso siete dopati a dovere, possiamo anche batterli tutti”.

ESSERE SCHIERATI

A questo punto non resta che non essere né della Roma né della Lazio; né dell’Italia ne della Russia… e guardare e raccontare lo sport divertendosi, in modo serio e mezzo satirico e leggermente alchemico (se si può dire). Con il giusto distacco: giusto per non vomitare!

STRATEGIE

Essere d’accordo stato e atleti su tutto: strategia dopante, analisi – precotte; provette già pisciate. Nel tempo non si è mai potuta fare una sfida a uova sode e pancetta, per vedere se le motivazioni, l’intelligenza emotiva, cognitiva, la fatica, l’allenamento; avessero la meglio su tutto ciò che è artificiale e sintetico.

PUTIN

Guardare lo stato incriminato e l’oggetto in questione, e il soggetto (Putin) viene veramente tutto a galla dal KGB alle morti sospette per avvelenamento, all’avvelenamento ambientale a quello dello sport in generale a tutta una serie di strategie per battere l’avversario, portare a casa un pezzo di latta…e conquistare il mondo.

3 commenti

  1. ARALDI

    21 luglio 2016 at 05:37

    SECONDO ME E’ UN VERO PUTIFERIO…

  2. ALEANDRO

    22 luglio 2016 at 07:04

    PROVETTE GIA’ PISCIATE… RENDE VERAMENTE L’IDEA …. 😀

  3. ALESSIO

    15 agosto 2016 at 20:13

    ALLE OLIMPIADI IN BRASILE SONO SEMPRE Lì….IN PRIMA LINEA…..

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *