Real Madrid – Napoli, la vigilia di una sfida magica

By
Updated: febbraio 14, 2017

A distanza di circa 30 anni, allora era settembre e si trattava della vecchia Coppa Campioni, quella riservata solo alle squadre vincitrici dei titoli nazionali, si ritrovano in un doppio confronto gli spagnoli campioni d’ Europa e del mondo e gli azzurri, in un confronto come allora molto sentito proprio come la prima partita nel mitico Santiago Bernabeu.

Il 16 settembre 1987 fu l’ esordio assoluto per gli azzurri di Maradona nella prestigiosa coppa dalle  lunghe orecchie.

Si giocò a porte chiuse per una squalifica del campo iberico, gli azzurri allenati da Bianchi se la giocarono alla pari e Garella, il portiere del Napoli salvò più volte la propria porta limitando il passivo ad un due a zero non impossibile da ribaltare.

Il 30 settembre, al ritorno, il San Paolo registrò il tutto esaurito ed il pubblico spinse la squadra di casa a disputare una grande partita tutta di attacco che portò Francini ad illudere i tifosi che furono poi gelati dal gol di Butragueno (el buitre) che spense gli entusiasmi del folto pubblico.

Oggi le premesse sono ben diverse da allora e il tasso tecnico è superiore in entrambe le formazioni.

Il curriculum dei blancos vede nella bacheca ben 32  scudetti, 11 Champions vinte (record tuttora imbattuto), 9 supercoppe di Spagna, 19 coppe del Re, 1 coppa di Lega, 2 coppa uefa, 3 supercoppe Uefa, 5 coppe intercontinentale, un palmares impressionante capace di fari impallidire qualsiasi avversario. Nessun pronostico nel calcio è scontato e dunque i due scudetti conquistati dal Napoli insieme alla Coppa Uefa, alle due supercoppe vinte e le 5 coppe italia possono non passare inosservate nel corso del doppio  confronto di mercoledì 15 febbraio  e martedì 7 marzo.

Cristiano Ronaldo il fuoriclasse portoghese che ha vinto nella scorsa stagione sia la coppa campioni con il club che gli europei con la nazionale del suo paese è il campione più atteso. I numeri parlano per lui, 274 reti da quando indossa la maglia bianca del Real, giocatore velocissimo ed abilissimo con entrambi i piedi  che spazia sulle due fasce lasciando i difensori avversari senza punti di riferimento.

Il Napoli, orfano di Higuain, non potrà contare sul miglior Milik, il polacco  da poco aggregato in prima squadra dal tecnico Sarri dopo l’infortunio occorsogli ad ottobre in occasione delle qualificazioni per Russia 2018 contro la Danimarca (infortunio al crociato), in compenso avrà i tre folletti in attacco: lo spagnolo madrileno Callejon, il napoletano Insigne ed il belga Maertens, capocannoniere della squadra azzurra nell’ insolito ruolo di centravanti.

Altri due spagnoli alla corte di Sarri da in maglia azzurra da diversi anni  sono il portiere Reyna nativo di Madrid e il centrale Albiol.

Il Napoli spagnolo può mettere paura ai fantastici galacticos allenati dal fuoriclasse francese Zidane e primi in campionato.

Real Madrid – Napoli comincerà alle ore 20,45,di mercoledì 15, arbitrerà lo sloveno Skomina; che lo spettacolo cominci e forza azzurri!

Stefano Marino

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *