Italia bella a metà

By
Updated: febbraio 15, 2017

L’ItalDavis passa in Argentina al singolo decisivo con un redivivo Fabio Fognini, capace di rimontare due set prima di imporsi al quinto su Guido Pella. Un week end iniziato avanti 2 a 0, con un match point non sfruttato nel doppio di Sabato ed infine il quasi infarto di una domenica conclusa poi il lunedì pomeriggio in quel di Buenos Aires.

Festa che non è potuta nemmeno iniziare per le ragazze italiane della Fed Cup. Una sconfitta dura e amara da digerire, iniziata anche in questo caso con un quasi 2 a 0 di vantaggio e finita con 8 game portati a casa la domenica contro la squadra slovacca.
Va detto però che la Errani non pareva essere nelle condizioni fisiche per essere schierata e che le nostre avversario hanno davvero messo in campo delle ottime prestazioni.

Passando al circuito Atp lo scorso week end si sono conclusi ben tre tornei 250. Trionfando in casa, nel torneo di Sofia, il bulgaro Grigor Dimitrov ha mostrato la nuova versione del 2017 di un giocatore con un grandissimo potenziale.
Sconfitto purtroppo con match point a favore a Quito il nostro Paolo Lorenzi, che comunque merita davvero tutti gli applausi di noi italiani per il grande spirito e l’atteggiamento combattivo che dimostra sempre.
In Francia invece, a Montpellier, ad alzare le braccia al cielo è stato il giovane tedesco Alexander Zverev. Ha superato in due parziali il padrone di casa, Richard Gasquet, per poi bissare il successo anche nel doppio in coppia del fratello Mischa. La grande promessa del tennis maschile sta lentamente diventando una certezza. Speriamo quindi di vederlo in azione nel master under 21a Milano alla fine di quest’anno.

Questa settimana sono invece in programma sempre tre tornei, a Memphis e Rotterdam (ATP 500) e a Buenos Aires, dove sono impegnati anche i nostri portacolori.

Sperando di vendicare la finale di Quito vi auguriamo di assistere a del grande tennis in ogni caso.

Gianluca Rossino

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *