Ferrari: la chiave per vincere passa dallo sviluppo

By
Updated: aprile 5, 2017

Ricerca motoristica e sviluppo aerodinamico: così il cuore della SF70H può ruggire ancora.

Maranello – Molto si è detto dopo la vittoria della rossa che fa battere il cuore degli appassionati italiani e non solo. Che è dipesa dalla perfetta adattabilità alle nuove gomme formato “large” della Pirelli (un problema finalmente risolto dopo anni che i piloti passavano tempo a “scaldare” gli elementi traenti) superiore a quella delle altre scuderie (in primis Mercedes e Red Bull), dalla maggior velocità che la motoristica ha impresso al bolide che Seb Vettel ha riportato alla vittoria dopo diciotto mesi. Si è detto e scritto anche di altri ma per sintetizzare focalizziamo su questi due aspetti.

La problematica è adesso questa: come consentire alla Ferrari di non limitarsi a questo primo successo nel Campionato Mondiale ma consentirle di trionfare ancora nei prossimi gran premi?

La risposta o se volete la chiave è nella velocità e qualità degli sviluppi sia nell’ambito motoristico che in quello aerodinamico.

A pensare a questo è il direttore tecnico Matteo Binotto che guida un team di talenti giovani e quasi tutti italiani, team che ha lavorto duramente,  a testa bassa e soprattutto senza tante chiacchiere e proclami nell’inverno per mettere questo gioiello nelle mani di Sebastian e Kini.

Il capo progetto è Simone Resta, dell’aerodinamica si occupa Enrico Cardile con il supporto prezioso di David Sanchez, la ricerca motoristica è affidata a Pietro Sassi.

L’armonia ritrovata nello “spogliatoio” di Maranello dove non si assiste più assiste, per il momento, a sfide fratricide tra prime donne, a litigi e polemiche interne, questo è il fattore chiave che consentirà di riportare il titolo mondiale nella località del modenese.

Giovanni Monaco

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *