Identikit del nuovo “padlon” rossonero

By
Updated: aprile 14, 2017

Oramai è ufficiale, il Milan è passato in mani cinesi, per la precisione quelle di Li Yonghong. Si chiude un’era, quella del presidente Berlusconi, costellata di successi. Ma chi si nasconde dietro il personaggio che adesso è sulla bocca di tutti i tifosi rossoneri e da cui dipende il destino di uno dei club più mitici al mondo? Per la verità è difficile dare una risposta precisa perché “Li” è poco noto persino in Cina . Di lui si sa pochissimo, solo che investe nell’edilizia, è il proprietario a Guangzhou del New China Bulding, o meglio, detiene il 28% delle quote (e parliamo di un grattacielo valutato 1 miliardo di euro). Questo avvenente brooker possiede un patrimonio totale di 500 milioni di euro. In più avrebbe, il condizionale è d’obbligo, le mani in pasta in svariate attività, dalle miniere dei fosfati al settore dell’imballaggio, ma nonostante questo per acquistare il Milan si è dovuto far prestare il denaro dal fondo statunitense “Elliot”, parliamo di circa 180 milioni di euro, una cifra che il buon Li dovrà restituire in 2 anni con annessi interessi. Alti, a quanto pare. E’ lecito per questo attendersi una cifra alquanto modesta per il calciomercato rossonero, a dispetto di quanto affermato da alcuni media, almeno fino a quando i debiti non verranno ripianati.
“Li” è un personaggio che sta facendo molto parlare di sé anche a causa del look stravagante, preferisce la t-shirt a giacca e cravatta, per i rapporti tesi con il governo cinese con cui in passato ha avuto problemi. E non mancheranno nelle prossime settimane di certo nuovi retroscena a riguardo. I tifosi del Milan sono avvisati.

Salvatore Rizzo

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *