Il Napoli non passa l’esame Sassuolo e la Roma può andar via

By
Updated: aprile 24, 2017

Nell’anticipo delle 12.30 della 33esima giornata di campionato si doveva stabilire se il Napoli potesse, in caso di vittoria, mettere pressione alla Roma impegnata a Pescara, portandosi momentaneamente al secondo posto. Invece, se di esame si trattava, l’esito è stato negativo, con la squadra di Sarri che non è stata capace di andare oltre il 2-2 in un match, soprattutto nella ripresa, ricco di emozioni.

Dopo un primo tempo giocato a sprazzi sia dal team di Di Francesco che da quello di Sarri, la partita si sblocca solo al 7′ del secondo tempo con Mertens lestissimo nel deviare di testa un traversone di Callejon. Gol numero 22 per il belga in campionato, tanti quanti in tutte le precedenti tre stagioni al Napoli. Il problema per il Napoli è il solito e si chiama “fase difensiva”, così il vantaggio dura pochissimo, esaurendosi giusto nel momento in cui, poco dopo, Berardi sfrutta un retropassaggio di testa sciagurato di Hamsik evitando Reina e depositando in rete. Un gol importante per il giovane talento del Sassuolo, che non segnava in Serie A su azione dallo scorso 28 Agosto contro il Pescara.

La reazione del Napoli si fa veemente ma si traduce solo in un doppio legno. Prima perché Mertens coglie la traversa da distanza su punizione, poi a causa di un palo interno di Insigne al termine di un’ubriacante azione sulla destra. Gol sbagliato gol subito, così il Sassuolo ne approfitta subito per portarsi in vantaggio. Questa volta è Mazzitelli su assist di Ragusa da dentro l’area a trafiggere Reina, che come spesso accade, non sembra per nulla impeccabile. Così a Sarri non rimane altro che tentare la carta “Milik”. Il polacco entra al posto di Jorginho e all’84’ su corner di Callejon e deviazione di Albiol insacca da posizione ravvicinata. E’ il 2-2 col quale termina l’incontro, nonostante il Napoli tenti, soprattutto con Insigne, ad effettuare il sorpasso. Le proteste degli uomini di Sarri nel finale per un sospetto tocco di mani di Cannavaro su colpo di testa di Mertens non servono a nulla perché l’arbitro Damato non concede rigore. Napoli a 71, Roma a 72 ma con una partita in meno, ma Juventus che ormai ha quasi chiuso la vicenda campionato.

Salvatore Rizzo

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *