CASEY STONER: STORIA, VITA, FRAMMENTI BIOGRAFICI

By
Updated: luglio 15, 2014
Casey Stoner Motogp

Casey Stoner – Nato a Southport il 16 ottobre 1985. Inizia a correre molto precocemente da bambino nei “Dirt e Short Track” in Australia, conquistando 41 titoli nelle piccole e medie cilindrate: 50 e 125.

ALCUNE TAPPE FONDAMENTALI PER LA SUA ESISTENZA SPORTIVA NEL MONDO DEI MOTORI:

A soli tre anni Casey si appropria della PeeWee 50cc della sorella maggiore anch’essa campionessa di moto. Ha iniziato con una X sulla moto.

A 4 anni Stoner correla sua prima gara di Dirt Track, nella categoria minori di 9 anni, ad Hatchers nella Gold Coast.

A 6 vince il suo primo titolo australiano della categoria.

Stoner StoryCasey Stoner è raccomandato niente meno che dal mitico pluricampione Mick Doohan, e così comincia la sua carriera in pista considerando che in Australia non sarebbe stato legalmente possibile fino ai 16 anni di età.

Mentre gareggia nelle due gare del Campionato Spagnolo 125cc Casey viene notato da Alberto Puig, che loingaggia nel team Telefonica Movistar 125cc per disputare il Campionato Spagnolo 125cc dell’anno seguente.

Lucio Cecchinello lo prende sotto la sua ala protettrice nel 2002 offrendogli il manubrio nelle 250cc.

Nel 2007 Casey veste i colori del Ducati MotoGP Team, a fianco dell’esperto Loris Capirossi.

Nei test invernali è spesso tra i più veloci dimostrando di essersi adattato rapidamente alla Desmosedici GP7 e alle gomme Bridgestone. Stoner durante il campionato ottiene risultati clamorosi, inanellando otto vittorie e tre podi, e viene consacrato campione del mondo sul circuito di Motegiil 23 settembre 2011, con tre gare di anticipo e soprannominato ora”Ba-Stoner“.

STANCHEZZA FISICA – Il 10 agosto 2012, Livio Suppo team manager della Ducati, dichiara che Stoner non sarà al via nel Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno e probabilmente neppure a quelli di Indianapolis e San Marino per il persistere dei problemi di stanchezza fisica che lo affliggono in tutta questa stagione agonistica e che potrebbero mettere a rischio la carriera del giovane pilota.

FRAMMENTO DI RACCONTI ESPRESSI NELLA SUA ULTIMA BIOGRAFIA

“All’inizio della stagione 2009 ero in forma come mai lo ero stato prima. Avevamo avuto alcuni problemi di ‘svezzamento’ con la nuova Ducati, ma alla fine eravamo riusciti a sistemarla abbastanza bene. Sapevamo che quella moto aveva un potenziale reale, e dovevamo ancora andare sulle piste dove di solito eravamo forti, quindi pensavamo di avere una buona possibilità di rivincere il campionato. Poi qualcosa che non riuscivo a spiegarmi ha cominciato ad andare storta.”

Dopo la gara del Mugello ero molto più stanco di quanto mi fossi mai sentito dopo una gara. Ne ero rimasto sorpreso perché mi ero allenato bene, quindi non ho davvero capito cosa fosse successo ma liquidai il tutto come una cosa passeggera. Poi, nel warm-up della gara successiva di Barcellona, ero già sfinito dopo pochissimi giri. Ero così stanco che me ne tornai a letto e dormii per due ore. Fu nel pomeriggio di quello stesso giorno che le cose si fecero davvero serie, esattamente come hanno visto tutti in televisione. Non era uscito lentamente, la stanchezza mi ha colpito di colpo dopo circa cinque giri. Un minuto prima stavo bene, e poi improvvisamente mi sono ritrovato pochissima forza, tanto che in pratica mi sono fatto portare dalle moto fino al termine della gara. Ero così esausto che ero riuscito a malapena a scendere nel parco chiuso. Non riuscivo a camminare o a parlare, volevo solo vomitare, e sul podio sono quasi collassato.”

“Poi ho passato una settimana a fare esami e radiografie. Due dei test che ho dovuto fare erano per l’intolleranza al lattosio e al glutine, delle procedure che richiedono anche due o tre settimane. Ho dovuto osservare una dieta rigorosa per cercare di individuare gli eventuali problemi legati all’alimentazione.”

Casey_Stoner

GLI INIZI NEL MOTOMONDIALE (MOTOGP)

Nel 2000 il “Challange Aprilia 125” successivamente partecipa al campionato inglese e nello stesso anno fa il suo esordio nel Motomondiale disputando due gare, classe 125: torna subito a casa con un contratto stipulato con Lucio Cecchinello per l’anno a seguire.

Nel 2006 il debutto vero in MotoGP su una Honda RC211V del team LCR di Lucio Cecchinello.; non è assolutamente un’annata facile, ricca di cadute abbastanza serie, finendo all’8° posto.

Nel 2007 approda in Ducati, al fianco di Loris Capirossi. In Qatar Casey vince la sua prima gara nella classe MotoGP, successivamente a Montegi si laurea campione del mondo con 3 gare d’anticipo; alla tenera età di 21 anni e 342 giorni.

In Ducati è l’unico pilota che riesce veramente a vincere titoli importanti, domando una moto diffide da gestire; riuscì a far meglio sia del compagno di scuderia Loris Capirossi, che di uno dei piloti più grandi di tutti, ossia: “Valentino Rossi”.

JORGE LORENZO:Non ho mai visto nessuno con il suo talento. Sulla moto è capace di fare cose veramente incredibili

Casey Stoner:Un giorno spiegherò i motivi dell’abbandono

Un pilota, una persona, un uomo fragile? Forse, ma non del tutto…potrebbe rientrare nella categoria delle persone sensibili (sopra la media) le quali per la propria sensibilità (eccessiva) a volte hanno veramente un amarcia in più!

vedi anche: Il sito ufficiale

CARRIERA NEL MOTOMONDIALE

  • Esordio | 2001 in classe 125
  • Scuderie | 2002-2003 Team LCR | 2004 Red Bull KTM | 2005-2006 Team LCR | 2007-2010 Ducati | 2011-2012 Honda
  • Mondiali vinti | 2
  • GP disputati | 176
  • GP vinti | 45
  • Podi | 89
  • Punti ottenuti | 2411
  • Pole position | 43
  • Giri veloci | 33

WIKI DATI BIOGRAFICI

Dati Biografici Casey Stoner

2 commenti

  1. KGB

    14 novembre 2014 at 20:56

    LA SUA GUIDA IL SUO STILE…ERANO VERA POESIA!!!

  2. SORCETTO

    18 giugno 2016 at 21:48

    il vero fenomeno è bastoner……..

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *