Moviola in campo: tempo di decisioni

By
Updated: giugno 16, 2014
moviola in campo

MOVIOLA IN CAMPO: “TEMPO DI DECISIONI”

Moviola in campo sì, moviola in campo no… Sono anni che si discute se sia utile utilizzarla o inutile. Non solo se ne discute ai vertici della Fifa: ma non c’è una sola trasmissione sportiva sul calcio che ogni anno, puntualmente a settembre, a inizio campionato, non si ponga lo stesso dilemma.

moviola in campoLa moviola in campo permetterebbe di rivedere gol, errori tecnici arbitrali, correttezza di un rigore. Sarebbe una svolta importante, utile: e, a conti fatti, in televisione è già così. Ogni partita è esaminata e analizzata al centesimo: si possono scoprire facilmente gol in fuorigioco, gol annullati per sbaglio, rigori non dati a torto o rigori dati per errore.

Eppure uno strumento così utile in campo non è da tutti accettato. Per molti rappresenterebbe la morte stessa del calcio: lo stesso Michel Platini, ex giocatore della Juventus e attuale presidente della Uefa, è assolutamente contrario al suo utilizzo. Le motivazioni di tutti quelli che sono contrari all’uso della tecnologia in campo sono più che legittime.

Il presidente dell’Aia, Marcello Nicchi ha esposto dei dubbi sulla legittimità dell’uso della tecnologia in campo. Dubbi che riguardano la possibilità di recuperare il tempo perduto nel controllare la moviola, o su chi debba prendere l’ultimissima decisione: sempre un arbitro o un giudice esterno? Ma anche quando si dovrebbe fermare il gioco: se la decisione debba essere presa a discrezione dell’arbitro o delle squadre?

Chi è contrario all’uso della moviola non è solo qualcuno contrario all’uso della tecnologia in generale: ma, come si è visto esistono problemi oggettivi.

moviola in campoD’altro canto in molti sono più che favorevoli all’uso della moviola: il presidente della Fifa, Joseph Blatter, che inizialmente era contrario, ora ritiene che potrebbe trattarsi di un utile strumento. Della giustezza della decisione di Blatter se ne è già avuto un assaggio ai mondiali nella partita tra Francia e Honduras mediante la Goal Line Technology: il gol, cosiddetto fantasma, di Benzema, si è rivelato un autogol di Valladares. Il gol fantasma è un gol non identificabile con sicurezza. Ogni dubbio è stato dissipato controllando su uno schermo gigante il gol passo passo.

Per ora è un piccolo passo avanti: se è vero che ci sono degli oggettivi problemi sull’uso sconsiderato della moviola, è anche vero che è un eccellente strumento di controllo. La tecnologia deve andare avanti.

lASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *